Cucina Piemontese a Torino, piatti tradizionali piemontesi, cucina tipica piemontese

 

La cucina Piemontese


Piatto_bianco .... la cucina piemontese, bene, lo sapevate che la cucina piemontese è quella col maggior numero di piatti tipici regionali? Ma cos’è un piatto tipico regionale? Un piatto tipico regionale è una ricetta pensata, applicata e soprattutto cucinata storicamente all’interno di una specifica regione, con ingredienti tipici del territorio, che è stata catalogata e a cui è stato dato un nome univoco.
Piatto_bianco La cucina piemontese è nota per i salumi, i primi, gli arrosti, i bolliti, le salse, ecc. ecc. ma cos’è che la rende unica? Cosa offre la cucina piemontese più di ogni altra? Cosa la rende diversa?
Gli Antipasti!.... 
Piatto_bianco Fuori dal Piemonte un antipasto può essere un piatto di salumi misti, in Toscana in più ci sono i crostini, magari si possono trovare sottaceti, in Calabria qualcosa col peperoncino, un po’ di nduya, insomma fuori dal Piemonte l’antipasto è quel che dice la parola stessa: qualcosa da piluccare prima del pasto, da noi no, l’antipasto è tutta un’altra storia.
Piatto_bianco Un pranzo alla piemontese può prevedere anche trenta antipasti, che vanno dal semplice piatto di salumi alla ricettta più complicata, un antipasto da noi ha realmente la stessa dignità se non di più di un primo o un secondo di altissimo livello, un antipasto può essere una ricetta complicatissima, con una storia antichissima ma, soprattutto NOBILISSIMA.
Piatto_bianco Ogni ricetta ha origini nella cultura contadina, ma cosa la rende nobile? Risposta   elementare: i soldi. Il Piemonte e in partcolare la città di Torino come tutti sappiamo, f   urono sede della Real Casa dei Savoia, ora siccome è poco credibile che un re o una regina si accontentino di un uovo al padellino… e siccome è probabile che un re o una regina di soldi da spendere ne avessero, ecco che la semplice ricetta contadina, rielaborata nelle Reali Cucine, diventava un magiare da re.
Piatto_bianco E’ pensabile che i nostri nobili antenati, per le loro feste e per i pranzi diplomatici avessero la necessità di mettere in tavola una quantità di portate superiore alla norma e, soprattutto non i soliti primi, secondi e contorni ma qualcosa di più e di diverso, quindi l’antipasto diventava il mezzo ideale per ammaliare l’ospite di turno. Piccola nota: lo sapevate che fino ai primi dell’ottocento si mangiava normalmente in piedi e che solo invitando i lontani parenti russi, i quali mangiavano abitualmente seduti a tavola, a casa Savoia si prese l’abitudine poi diffusa in tutto il paese di sedersi a tavola?
Piatto_bianco Dunque l’antipasto come segno distintivo di una nobile cucina, in più va detto che i francesi, i quali furono nostri acerrimi nemici, (venite a visitare le fortezze che dal primo medioevo hanno impedito che il nord Italia diventasse una provincia francese) con la loro nouvelle cousine non hanno inventato niente, ogni antipasto piemontese nato ben prima, può tranquillamente essere un piatto di nouvelle cousine. Un mio amico dice che la nouvelle cousine è solo: portate microscopiche in enormi piatti. Noi almeno usiamo piatti di dimensioni normali…

Torino da Vedere!

images

Museo Egizio